Solo il respiro...only the breath

La „dualità“ crea confusione....non esiste solo il freddo o il caldo, non esiste solo il giorno o la notte, non esiste solo la luna o il sole come non può esistere solo l’energia femminile senza quella maschile e viceversa. L’armonia avviene solo attraverso l’unione. Se una parte esclude l’altra si crea solo confusione e disequilibrio. Il nostro respiro ci insegna questo segreto. Di respiro ce n’è solo uno...ed è unico e completo.

Wi lascio con una bellissima poesia di Rumi.

Maria Grazia

"Duality" is confusing .... there is not only cold or heat, there is not only day or night, there is not only the moon or the sun as it can not exist only the feminine energy without the male and vice versa. The union of opposites creates harmony. No exclusions just unions. Our breathing teaches us this secret. There is just one breath. A breath, which is unique and complete.

There is a beautiful poem about the breath written by Rumi.

Maria Grazia

“ONLY BREATH” BY RUMI – “SOLO RESPIRO” DI RUMI

Not Christian or Jew or Muslim, not Hindu,

Buddhist, sufi, or zen.

Not any religion

or cultural system.

I am not from the East

or the West, not our of the ocean or up

from the ground, not natural or ethereal, not

composed of elements at all.

I do not exist,

and am not an entity in this world or the next,

did not descend from Adam and Eve or any

origin story.

My place is placeless, a trace

of the traceless.

Neither body or soul.

I belong to the beloved, have seen the two

worlds as one and that one call to and know,

first, last, outer, inner, only that

breath breathing human being.

 

Non Cristiano, o Ebreo o

Musulmano, non Hindu

Buddista, Sufi o Zen.

Nessuna religione

o sistema culturale.

Io non vengo dall’Est

o dall’Ovest, non dal

profondo dell’oceano o

dal terreno, non naturale

o etereo, non composto di elementi perniente.

Io non esisto,

e non sono un’entità inquesto mondo o nel prossimo,

non discendevo da Adamo edEva o

da qualunque storia dell’origine.

Il mio luogo è senza

luogo, una traccia della mancanza di traccia.

Né corpo né anima.

Appartengo all’amato/a, ho

visto i due mondi come uno e quello

chiamo e conosco,

primo, ultimo, esterno,  interno, solo quel

respiro che respira l’essere umano.

Rumi